top of page

LA PAURA DEL PARTO



Salvo rare eccezioni, ogni donna affronterà gravidanza e parto con un minimo di terrore mentale dato dalla società in cui viviamo, dalle scene terrificanti viste nei film e dai racconti del terrore delle nostre nonne.


La stessa parola contrazione nasconde in sé sensazioni di rigidità e difesa, quindi sarebbe più indicato chiamarle onde.


Molte donne sono impaurite dal parto anche perché culturalmente sono abituate così, a considerarlo un pericolo, un dolore enorme e lacerante, un appuntamento dal quale esci distrutta e senza più sapere dove sei e chi sei.


La paura del parto viene chiamata Tocofobia quando diventa invalidante e patologica.


Un’ottima idea è quella di:

• Conoscere prima il team dell’ospedale scelto per poter vedere come si svolgono le cose e costruire un minimo di alleanza terapeutica con ostetriche e ginecologi

• Frequentare i corsi preparto, soprattutto se prevedono anche la presenza di una figura come un counselor o psicologo

• Lavorare con esercizi di respirazione e di rilassamento, su sentimenti, ansie e preoccupazioni relative al parto.


Anche dopo la nascita è importante incoraggiare la discussione con gli operatori su come si è svolto il parto, sul perché siano state fatte determinate scelte, in modo da sottolineare ciò che di positivo è accaduto e minimizzare così eventuali stress.


Per questo è bene non dimenticarsi delle mamme, mai, né prima né dopo il parto.



Foto di Andre Furtado

299 visualizzazioni

Post correlati

Mostra tutti

Comments


bottom of page