top of page

È POSSIBILE PREPARARSI AD UN PARTO SENZA DOLORE USANDO L’HYPNOBIRTHING® ?



Se ne sente parlare sempre di più, una parola inglese, internazionale, New Age, Hippie, un

sostantivo potente ma che fa anche un po’ paura: Hypnobirthing® .

Ma di cosa si tratta davvero? Partorire in ipnosi? Con occhi a spirale stile “Sir Biss“?

Oppure si tratta di andare in trance e non ricordare più niente, che cose strane si inventano oggi!

Nulla di tutto questo, ragazze!

Un corso di Hypnobirthing® è un programma super all’avanguardia, fondato su evidenze scientifiche che si basa anche sulla tecnica dell’auto-ipnosi che, non è altro se non un profondo, profondissimo rilassamento.

Infatti in questo caso non parliamo di Ipnosi clinica o medica, ma di un’auto ipnosi per aiutare la donna che sta per partorire a calarsi in uno stato profondo di rilassamento così intenso da avere il corpo completamente molle e disteso, LIBERO da ogni tensione.

In questo modo i suoi organi riproduttivi saranno morbidi, elastici, efficienti per lavorare indisturbati nella loro funzione principale: DARE LA VITA.


Si sa che la gravidanza è un momento speciale, tra luci e ombre, ricco di emozioni spesso contrastanti, in cui gioia e ansie danzano a fasi alterne creando aspettative e paure, dubbi sull’eventuale inadeguatezza.

Possono emergere immagini latenti legate alla nostra nascita o alla nostra famiglia.

La donna si sta trasformando, da ragazza spensierata a mamma, o da mamma di uno a mamma di due o più figli, e per questo serve sostegno, riconoscimento delle emozioni, ascolto e informazioni chiare!


Grazie al percorso che offro, la mamma SEPLICEMENTE riesce a vedere la nascita che desidera col suo occhio interno, la visualizza e la percepisce nel suo corpo attraverso risposte biochimiche, inoltre serve a liberarsi di tutte le paure correlate all’evento nascita, consapevole che la paura appunto, è la peggiore nemica del parto.


Proprio come la lente di un obiettivo, l’Ipnosi permette di osservare con calma le nostre credenze, convinzioni, abitudini, e i fatti poco chiari della nostra vita cosciente, e facendo uno zoom, le paure e i pensieri limitanti riguardo alla nascita dolce e calma, che si desidera ce ne possiamo finalmente liberare.


In uno stato di Ipnosi si raggiungono delle onde cerebrali diverse da quelle dello stato di veglia:

• Onde BETA - Allerta

• Onde ALPHA - Relax

• Onde THETA - Sogno, vicino al sonno

• Onde DELTA - Sonno


Molto diffusa nei paesi anglosassoni, e nord europei, l’Hypnobirthing sta gradualmente emergendo anche in Italia.

Il principio base dell’Hypnobirthing® è appunto che ogni donna può e dovrebbe avere la possibilità di un parto senza dolore o perlomeno senza eccessiva sofferenza, per dare alla luce il suo bambino/a nella piena gioia, consapevolezza della sua potenza, in piena energia e addirittura facilmente, rilassata, con calma.

Ciò non vuole dire che Hypnobirthing sia una bacchetta magica che anestetizza il parto, ma di certo cambia la percezione del dolore.


Questo potrà farlo utilizzando delle tecniche molto semplici ma anche molto potenti che la porteranno in uno stato di profondo rilassamento al momento del travaglio, in modo da poter abbassare la guardia e perdere il controllo, finalmente e lasciar fare al corpo.

Un corpo morbido e rilassato produrrà un parto più veloce, sano, sostenibile se non addirittura indolore (vi garantisco che può accadere).

Se si pensa che siamo semplicemente mammiferi, ed in quanto tali partoriamo seguendo le stesse dinamiche dei nostri simili, dovremmo appunto poterlo fare come i gatti, o i delfini, vale a dire con sforzo ma senza eccessiva fatica o sofferenza.


L’intoppo allora dove sta? Perché tutte soffrono? Non è possibile dai...

Sta tutto nella nostra neuro corteccia, quella parte appunto “nuova” del nostro cervello umano che è razionale, ansiosa, calcolatrice (dei rischi reali o solamente percepiti).

Lei vuole tutto sotto controllo e non abbassa la guardia (in effetti sta nascendo mio figlio perché dovrebbe abbassare la guardia?).

Il fatto è che (detto in soldoni) questo atteggiamento iper razionale non fa bene alla donna in travaglio che dovrebbe piuttosto lasciarsi andare e stare con la sua parte più antica, in sintonia con la cara vecchia corteccia, che tanto snobbata le ha permesso di evolversi come essere umano donna fino ad oggi.


Questo non vuol dire che le paure e il controllo siano inutili nella vita, ma se sovradosiamo questo ingrediente nel “cocktail” dell’evento nascita, il sapore sarà piuttosto “amaro”

Attraverso l’Hypnobirthing® letteralmente “risvegliamo” la donna antica che ci abita, quella donna che sa partorire, sa gestire il suo corpo del parto con le sue “onde” (contrazioni) potenti, sa allattare e sa lasciarsi andare all’inevitabile trasformazione che regala il parto.


E allora cosa sta succedendo intorno a noi? Sono sicura che una qualsiasi donna moderna di oggi che si confronta con le sue coetanee sarà sommersa da racconti traumatici, altro che parto senza dolore, qui siamo in balia di una vera e propria emergenza se si pensa che quasi una donna su due resta traumatizzata dal suo parto.


Ecco allora che veniamo a contatto con la più grande nemica del parto di oggi: la paura di partorire.

È proprio questa paura ormai scritta nel nostro corpo che genera un meccanismo di paura-tensione-dolore a cui l’Hypnobirthing® mette finalmente fine, restituendo fiducia alla donna.


Ma la paura di partorire non è legata soltanto a racconti negativi, infatti la genesi di questa emozione così debilitante e poco presa in considerazione durante il parto (si preferisce sedare, anestetizzare) ha più radici:

La medicalizzazione eccessiva (la nascita dovrebbe essere un evento fisiologico nella vita di una donna) anche in assenza di rischi (attenzione che la percentuale di gravidanze a rischio è davvero bassissima in confronto ai parti medicalizzati....meditiamo donne!)

Poco sostegno a partorire fisiologicamente (si interviene davvero troppo e il parto indotto è davvero doloroso!)

Film e immagini televisive con scene di parto completamente fuorvianti

Paura ancestrale di morire di parto legata a donne di altre epoche e situazioni

Racconti negativi di madri o parenti ascoltati sin dall’infanzia


Pensate a quanto siamo condizionate, e se eliminassimo tutti questi condizionamenti inutili? Se ci preparassimo a partorire togliendo immagini dal cervello piuttosto che aggiungerne?

Beh se eliminassimo tutto ciò saremmo delle donne sicuramente meno spaventate e senza paura di partorire, ma il corso per l’appunto non va solamente a rimuovere inutili convinzioni ma ne crea delle nuove, insegnando delle vere e proprie tecniche che riprogrammano completamente la visione di mamma e papà a proposito del parto.


A proposito di papà, questi uomini incredibili che stanno davvero compiendo chi più chi meno una vera rivoluzione abbracciando finalmente il loro lato femminile senza essere meno virili, uomini che non si vergognano più di cullare i loro piccoli o di emozionarsi con loro, loro sono davvero fondamentali nel percorso di Hypnobirthing perché senza di loro il progetto non reggerebbe e vi spiego perché.


Immaginiamo una bella mamma in travaglio pronta dopo tanto allenamento a trasportarsi in una bolla di relax, di ossitocina, di benessere, che si lascia cullare da ogni onda che la immerge sempre più in uno stato di amnesia e potere, mettiamo che abbia completamente messo a tacere la neuro corteccia... ditemi:


Chi si occuperà di rispondere alle domande dei dottori?

Chi le darà acqua e cibo?

Chi si preoccuperà che il piano del parto venga rispettato?

Chi le darà la sicurezza che tutto va bene e che lei può restare “immersa”?


Ditemi voi chi può farlo se non la persona più di fiducia al mondo? Il papà del bambino, che darebbe la vita per loro due, che come un Papà Gorilla sfiderebbe chiunque osasse disturbare un evento così delicato e importante.

“Resta nella tua bolla amore, ci sono io che vi veglio e proteggo”


Senza dimenticare le parole della grandissima Ina May Gaskin:

“Vedere il coraggio della propria donna mentre mette al mondo suo figlio fa bene all’uomo. Lo ispira”

(Ina May Gaskin)


L’uomo mai come in quel giorno ha bisogno della sua compagna e viceversa, è per questo che i corsi sono rivolti alla coppia senza eccezioni.



Insomma, fondamentalmente, anche se la donna antica in noi non ne è consapevole, è tutta una questione ormonale, si tratta di far funzionare gli ormoni buoni del parto e non quelli dello stress che inibiscono la produzione di endorfine che sono il nostro anestetico naturale molto più potente della morfina.


E allora io sono sicura che, tu donna moderna, sarai curiosa di sapere quali sono le tecniche usate dall’Hypnobirthing® per mettere in campo tutte queste bellissime teorie, per partorire senza dolore forse, o comunque senza soffrire troppo (il che è ben diverso) e quindi come non avere paura di partorire.


Le tecniche:

• VISUALIZZAZIONI

Parliamo di mostrare immagini di vario genere, perché l’immagine, dai nostri occhi ha il potere di risuonare nel corpo producendo una risposta fisica. Si mostrano anche video di nascite Hypnobirthing, molto potenti e che stimolano l’immedesimazione.

• RESPIRAZIONI

Si insegnano almeno tre respirazioni, fondamentali per vivere il momento del travaglio e della nascita da protagoniste ascoltando il proprio corpo dall’interno. Le respirazioni calmano il sistema nervoso e portano il corpo in uno stato di amnesia.

• AFFERMAZIONI POSITIVE

Come mantra le possiamo ripetere e riascoltare fino alla piena assimilazione anche sotto forma di giochi divertenti

• AUTO IPNOSI (RILASSAMENTO PROFONDO)

Portano la mamma in una condizione di benessere psicofisico, una situazione di salute e fiducia. Le Ipnosi sono sia guidate durante le classi, sia allenate in autonomia attraverso un audio da ascoltare più possibile a casa

• EDUCAZIONE ALLA FISIOLOGIA

Osserviamo in cosa consiste una nascita, semplicemente, si comprende a fondo che il corpo della donna è perfettamente programmato per partorire suo figlio/a. Oltre alla fisiologia, viene introdotta l’importanza della comunicazione prenatale, alla base di una buona relazione con il bebè soprattutto in gravidanza! E saper mettersi il relazione col proprio bambino/a durante la gravidanza avrà moltissimi benefici tra cui l’imparare a rispettare questa creatura così immatura ma allo stesso tempo antica, saggia, competente. Ed a fronte di questo sarà fondamentale per un parto sano, rispettare le scelte del bambino che sa quando e come venire al mondo per cui meno intervengo (chiaramente in assenza di circostanze particolari) meglio è.


“Non si può aiutare attivamente una donna a partorire; non si può aiutare un processo involontario, si può solo cercare di disturbarlo il meno possibile”

(Michel Odent)


Come potete capire, non si tratta solo di Ipnosi, anzi, è guardare l’evento nascita da una prospettiva totalmente nuova a cui siamo davvero poco abituati ma che ci fa sentire finalmente SICURE, competenti, istintive e PRONTE! Oserei dire...ECCITATE! All’idea di poter attraversare un momento così potente.


Questa visione nuova del parto ci conduce a una verità molto semplice e ovvia allo stesso tempo:

METTERE AL MONDO E’ UN PO’ COME FARE L’AMORE, è la chiusura di un cerchio, la vita da dove è entrata dovrà uscire, in un atto comunque sessuale.

E per ciò verranno coinvolti gli stessi ormoni (soprattutto l’ossitocina, ormone dell’amore) e gli organi del nostro sistema riproduttivo appunto, e non a caso, per partorire, servono gli stessi ingredienti del concepimento:

• COMFORT

• BUIO

• SILENZIO

• PRIVACY



E così la sala parto, o qualsiasi altro luogo i genitori scelgano per questo momento di nascita, diventa un TEMPIO sacro, da rispettare, in cui si dovrebbe entrare in punta di piedi ed in silenzio per osservare, assistere, supportare ed intervenire solo se necessario.

Pensate che in Inghilterra, dove l’Hypnobirthing è molto più conosciuto, viene apposto un cartello con un fiore azzurro fuori da ogni sala parto Hypno con scritto “SHH...nascita in corso!”


Capirete che è una vera rivoluzione, che seppur abbia solide basi scientifiche al suo interno, si scontra con i protocolli degli ospedali ma la buona notizia è che la stesura di un buon Piano del Parto permette alla coppia in attesa di mettersi in relazione con la struttura di assistenza, e permette di chiedere e letteralmente contrattare, le preferenze sulla nascita come per esempio la somministrazione di ormoni ossitocinici sintetici (molto diversi da quelli naturali), oppure il taglio tardivo del cordone ombelicale etc etc...

Il Piano del Parto è il primo passo verso una scelta davvero consapevole del luogo del Parto, ed anche questo fa parte del corso Hypnobirthing, e vi assicuro che è un aspetto che contribuisce ad aumentare le possibilità di un parto senza dolore.


Ad esempio, una delle scelte più significative che può fare una donna in attesa è quella di rifiutare le spinte forzate dell’ostetrica di turno.

Ma come? Non spingo? Vi chiederete... e no, non ce ne è un grande bisogno, ma soprattutto non c’è bisogno che una persona fuori dal tuo corpo dia un ritmo e faccia il tifo davvero inutilmente.


Seguendo il corso imparerai ad ACCOMPAGNARE, assecondare quell’istinto di pulsazione tipica della fase finale con il...Respiro!

Una respirazione di nascita mirata accompagnerà dolcemente il tuo bambino fuori dal tuo corpo.

In questo modo si apre DOLCEMENTE un canale di passaggio che con le spinte forzate resta rigido e contratto.


Prova a metterti al posto del tuo bebè e ad immaginare che differenza possa essere nascere con dolcezza, accompagnata/o da un soffio gentile piuttosto che spinto fuori violentemente... è un vero atto d’amore materno, non trovi?


Ad oggi gli studi scientifici di epigenetica (che parolone) ci stanno dimostrando finalmente che il momento della nascita segnerà per sempre il destino di quella persona nel suo carattere e nella sua salute psicofisica; anche se quel momento non sarà mai ricordato, il nostro corpo ricorderà per sempre... incredibile vero?


Ed i dati ovviamente confermano che attraverso queste tecniche:

• Si riducono le Episiotomie (taglietto dalla vulva all’ano)

• Si riducono le lacerazioni

• Mamme generalmente più energiche nel post parto

• Travagli e nascite più veloci

• Si riduce il bisogno di analgesia

Parti senza dolore più probabili


Ma attenzione! Se state pensando che questo approccio è per chi rifiuta la parto analgesia epidurale, o per le Hippy da parto in casa, o per chi rifiuta qualsiasi medicalizzazione, vi sbagliate.

Il metodo si flette su qualsiasi tipo di parto, rispettando gli eventi imprevedibili o le scelte consapevoli che ogni donna è libera di fare.

È molto utile in caso di cesareo o circostanze particolari perché permette alla donna di rimanere centrata e rilassata attraverso il respiro, in modo da avere un corpo ben ossigenato in grado di affrontare qualsiasi emergenza in modo efficiente.


Oltre ad affrontare il tema del parto con positività osservando le risorse del corpo che può partorire anche senza dolore piuttosto che ai possibili ed improbabili problemi, un corso di Hypnobirthing ti darà anche gli strumenti per vivere bene le ore e i primi mesi col tuo cucciolo. Ti darà le basi per iniziate un buon allattamento e ti spiegherà i benefici di questo nutrimento specie specifico.


Dove devo firmare? Vi chiederete. Sembra una magia, una bacchetta magica.

Non è così. Serve innanzitutto apertura e fiducia in questo metodo, serve sentire che fa per te, serve sentire il suo richiamo.

Se lo fai giusto per provare non funzionerà.

Se ti iscrivi perché ci va la tua amica non funzionerà.

Se provi tanto per... non funzionerà.

Serve intenzione, passione, connessione in primis. E successivamente, non meno importante, serve allenamento, serve apprendere questo strumento, farlo tuo, farlo entrare nel tuo corpo, e per questo non è mai troppo tardi o troppo presto!


Potrai iniziare dalla 20° settimana fino alla 35° circa.

Allenarsi vuol dire praticare quasi tutti i giorni i rilassamenti e le respirazioni ma la buona notizia è che sarà del tempo per te stessa davvero di qualità, di piacere, di benessere.

Ogni giorno che passerà ti farà sentire più tranquilla, più forte e pronta a partorire sia te che il tuo bebè.


E le buone notizie non sono finite! Oltre ad eliminare la paura di partorire devi sapere che l’investimento che farete sarà... per tutta la vita!

Questo vuol dire che in quanto strumento che si apprende, l’Hypnobirthing resterà con te per sempre, in ogni sfida della tua vita, in ogni momento di ansia e stress, in ogni circostanza particolare della vita avrai un cassetto luminoso e speciale al quale attingere, un cassetto fatto di benessere e salute, in cui potrai sempre ritrovare, con qualche respiro, la donna (o l’uomo) saggia/o che ti abita e che ti riporterà coi piedi per terra in alto verso le tue vere risorse.


83 visualizzazioni

Post correlati

Mostra tutti

Comments


bottom of page